Skip to main content

Arte nel rumorE Vol. 2 (oz034)






www.myspace.com/artenelrumore


ozky e-sound with:

www.myspace.com/dnarecord
www.myspace.com/sfintrecords
www.myspace.com/vjgnetlabel
http://www.myspace.com/zerosonicorecords

PRESENTS:

ARTE NEL RUMORE Vol.II

English
Art in noisE
Way too often in Italy "noise" music has been linked to rock or dark genres, and, much worse, to the right-wing political fringe.
However, these are mere prejudices typical of our country, still underdeveloped from an arts point of view, as every noise-musician is well aware of.
In fact, major unsung artists like Luigi Russolo, Pietro Grossi and Maurizio Bianchi, make Italy play a lead role in contemporary music.
The maybe idealistic purpose of the project called "Arte nel rumorE" (literally, Art in noisE)
is to spread the concept of "noise-in-music" throughtout our country;
As a start, we are going to release come music compilations by the italian artists involved in the project, who will also deal with the theoretical side of noise music, which we think is the base to understand any kind of non-entertaining form of art.
Italian artists and NetLabels who share our ideals are welcome to partecipate in the project with their own works.
Arte nel rumorE compilations will appear on as many NetLabels as possible, under a "CREATIVE COMMONS" license,
to state once again that art is not for sale!

ITALIANO

Premessa:
Noi siamo contro il razzismo la xenofobia ed ogni forma di discriminazione, se non siete d'accordo con la nostra politica vi preghiamo di non chiedere la nostra amicizia.


Ancora troppo spesso in Italia si è portati a considerare il rumore in musica un genere che ruota attorno al rock, più o meno duro, o al filone dark, spesso addirittura associato politicamente alla destra più estrema. Come ben sa chi fa musica utilizzando il rumore, questi sono tipici pregiudizi che nascono in un paese artisticamente piuttosto retrogrado come il nostro. L'Italia ha nella storia della musica contemporanea un ruolo fondamentale, grazie a geniali figure come il Futurista Luigi Russolo, Pietro Grossi e Maurizio Bianchi, tutti e tre quasi completamente sconosciuti al pubblico italiano.
Qui non si tratta di sviluppare l'orgoglio italiano, cosa aberrante che sta tornando di moda nel nostro paese, ma più semplicemente di dare il giusto spazio al genere musicale noise, genere in cui l'Italia ha storicamente un'importanza riconosciuta in molti paesi stranieri, ma quasi del tutto sconosciuta nel nostro.
Arte nel rumorE è¨ il nome di un progetto il cui utopistico scopo è quello di diffondere maggiormente il rumore in musica nel nostro paese. Come primo atto si è pensato di produrre delle compilations di tracce sonore composte da musicisti italiani, i quali sono invitati a dare anche una propria definizione al suono rumore, per sottolineare il fatto che il progetto Arte nel rumorE non si limiterà alla sola produzione musicale, ma cercherà di proporne anche lâaspetto teorico, base fondamentale per conoscere ed apprezzare qualsiasi genere di Arte che non sia puramente dâintrattenimento. Il progetto compilations è quindi aperto a tutti i musicisti e NetLabes italiane che ne facciano semplice richiesta di partecipazione, e che ne condividano gli utopistici ideali. Infatti le compilations Arte nel rumorE saranno promosse non da una sola etichetta, ma da tutte quelle che decidono di prendere parte a questo progetto, e questo è sicuramente un altro aspetto estremamente interessante ed innovativo.
Chi siamo? Un pugno di idealisti, visionari, utopisti. Noi vogliamo cercare possibili strategie che consentano la sopravvivenza intellettuale e culturale dei soggetti sensibili. Noi siamo convinti degli effetti benefici della condivisione e della collaborazione, rifiutiamo la logica della competizione e del profitto, tutte le proposte a nome Arte nel rumorE saranno licenziate sotto CREATIVE COMMONS, per ribadire in modo netto che Arte non è commercio, e che l'artista non produce nulla di originale, ma molto più concretamente prende dal mondo che lo circonda tutti gli elementi che andranno a comporre la sua opera, quello che è originale in ogni espressione artistica è l'individuo che da forma all'opera d'arte.
Il progetto Arte nel rumorE prende avvio dalla produzione e promozione di più comiplations musicali, ma vuole proseguire il suo utopistico viaggio dando vita ad un Gruppo di artisti i quali promuoveranno sotto la medesima etichetta differenti progetti.

W IL RUMORE!


COMPILATION ARTE NEL RUMORE VOL.2 TRACK LIST:


Traccia 01 Ruvido; artista Elisa luu: www.myspace.com/elisaluu

Riflessione sul rumore:
Ognuno di noi è un corpo solido oscillante e crea rumore...
è nella nostra natura.

Traccia 02 Metallic heart wave; artista Un vortice di bassa pressione: www.myspace.com/unvorticedibassapressione

Riflessione sul suono-rumore:
silence is noise

Traccia 03 Monster; artista Artcore Machine; www.myspace.com/artcoremachine

Riflessione sul rumore:
Il rumore è lo specchio sonoro di questa società  industriale malata, corrotta e alienata. Lo abbiamo assimilato, plasmato, fatto nostro e ricreato in musica per denunciare tutto il marcio di questo mondo.

Traccia 04 Backstage Noise Off; artista Simone Fratti; http://www.simonefratti.com/home.html

Riflessione sul rumore:
Un vettore casuale è rumore se e solo se il suo vettore medio e la sua matrice di autocorrelazione sono rispettivamente: http://img405.imageshack.us/img405/5259/formula.jpg
Si ha cioè un vettore medio nullo e una matrice di autocorrelazione che è un multiplo della matrice identità . Quando la matrice di autocorrelazione è un multiplo della matrice identità  si dice che la correlazione è sferica.

Traccia 05 TEDIO; artista Massimo Croce: www.myspace.com/crocemassimo

Riflessione sul rumore:
Il rumore è semplicemente un suono complesso ed irregolare.
Il mare è un rumore gradevole e rilassante.
Anche lo stridio delle unghie sulla lavagna è un rumore, questo fastidioso ed irritante!
La musica contemporanea è composta da una miscela di rumori, come tale può risultare rilassante, fastidiosa o un complesso equilibrio tra il piacevole e il fastidioso.
Su questa ultima miscelazione dei rumori è basata la mia ricerca sonora.

Traccia 06 Indian Nights '67; artista Francesco Lenzi: www.myspace.com/francescolenzi

Riflessione sul rumore:
RUMORE=SUONI VITALI IN ASSOLUTA LIBERTA'



Traccia 07 u_n_o; artista GUN: www.myspace.com/gunoise
Riflessione sul rumore:
il rumore:
uno strumento per far fluire i sogni oltre ogni convenzione...


Traccia 08 Predikkt; artista Krupnik: www.myspace.com/krupnik1503

Riflessione sul rumore:
Non ho mai concepito la distinzione tra suono - convenzionalmente inteso - e rumore: nel loro uso espressivo, artistico, entrambi sono elementi di uno stesso linguaggio compreso in una grammatica in continua mutazione e dai confini perennemente, sorprendentemente incerti.

Traccia 09 My guitar wants to kiss yuor mama; artista Torba: http://www.myspace.com/torbadrone

Riflessione sul rumore:
RUMORE è un luogo della mente, meta disuguale della soggettiva pulsione a perturbazioni acustiche.

Traccia 10 Last experience, il volo by Marco Lucchi: www.myspace.com/marcolucchi

Riflessione sul rumore:
Io in fondo penso che il rumore non esista. per lo meno non in quanto entità  definita dalle sue caratteristiche. lo sanno un po' tutti in fondo: un "rumore" usato intenzionalmente è suono, musica. un suono, anche la più bella delle musiche, può disturbare l'ascolto dei suoni dell'ambiente, di una conversazione o anche del silenzio.
Lo so fin da quando ascoltavo "yellow submarine" da ragazzino, da bambino per essere precisi. quei suoni di cantiere navale, quelle voci, aprivano un varco spazio-temporale nella mia percezione e nella mia immaginazione, senz'altro più della pur simpatica voce di Ringo Starr.
E poi arrivarono i Pink Floyd, Brian Eno, Luigi Russolo, Edgar Varese, John Cage.... troppi da elencare.... e tutto fu sempre più chiaro. il rumore è suono, il rumore è musica.
E come è dunque bello ascoltare il walkman, prima, e, adesso, l'ipod lasciando che i suoni che ascolti si mescolino a quelli dell'ambiente e della vita che ti circonda, come in un film, il tuo; o portare le casse dell'impianto stereo in cortile o in balcone e vedere come Charles Ives si sposi bene con il vento e i gli uccellini della primavera già  bella calda; o registrare il tuo nuovo esperimento sonoro lasciando (in?)avvertitamente trapelare il rumore, da qualsiasi fonte provenga (se ci piace eh).....
"Posti di vedetta!" gridava John Lennon..... o almeno così mi è sempre parso di sentire....



Traccia 11 Candria ; artista Difondo: http://www.myspace.com/difondo

Riflessione sul rumore: Difondo - Rumore
La definizione di rumore sembra mutare a seconda della prospettiva con la quale si tende ad inquadrarla sia in campo musicale (acustica) che scientifico (elettronica). Il lavoro delle avanguardie, in primis quella futurista, è stato teso a minare quelle convinzioni, quei miti a cui i luoghi del comune sentire facevano riferimento per definire la musica e, più in generale, per rappresentare la realtà .
In questo senso la composizione qui proposta prende atto della difficoltà  di inquadrare questo termine e nasce dalla volontà  di considerare lâintero parco di suoni a disposizione siano essi musicali, concreti, ambientali e, in ultima analisi, il silenzio con il proposito di creare un microcosmo in cui le forze si intersechino, si sovrappongano, in una dimensione che John Cage definirebbe "ecologica".
Interessante come questa prospettiva sembra legarsi alle teoria della comunicazione di Shannon e Weaver in cui il rumore, definito come unâinterferenza tra la formulazione del segnale e la ricezione da parte del ricevente, è inteso come sovrapposizione o sottrazione di un segnale da emettere.
. John Cage, Per gli uccelli, edito da Testo e Immagine, 1999, pag. 254.
2. Shannon e Weaver, Teoria matematica delle comunicazioni, 1954, edito da Etas Libri, Milano 1971

Traccia 12 Insano; artista Nembrot: www.myspace.com/nembrot

Riflessione sul rumore:
dolce musa di parole
trasparenti e sguardi graffianti, sommergi delicatamente la quiete
esistenza, dove l'armonia è ormai persa, sorgi e sfodera la tua spada
conciliatrice, seminando nell' arido respiro ruggine e verità .

Traccia 13 Tic; artista Isteronproject: www.myspace.com/isteronproject

Ogni debolezza è un limite.
Ogni limite si maschera con uno schema.
Ogni schema serve a semplificare un problema affidandone la risoluzione, per l'appunto, ad uno schema [che sovente viene imposto da qualcuno e preso per buono da qualcunaltro, senza troppe domande (gli schemi fanno comodo ai deboli)].
Questa sorta di burocrazia del pensiero si presenta in ogni azione attiva o passiva che sia, nelle abitudini individuali e nelle consuetudini sociali; le sue maschere sono quelle dell'accademismo, del dogmatismo, dello "stile", dei principi di armonia in musica e nella monodirezionalità  in ambito artistico, formativo, mediatico.
Ho la pelle d'oca quando penso che per secoli e secoli abbiamo usato quasi esclusivamente le stesse 12 note; sarei più sereno tenendo lo stesso paio di calzini per una settimana. A quanto pare siamo così pigri da accettare 12 sbarre purchè costituiscano una comoda gabbia.
Ogni musicista dovrebbe decidere su quali frequenze "fissare" le proprie note (sempre ammesso che questo lavoro sia considerato necessario dall'autore: è una questione d'intenti). Quando la percezione collettiva arriverà  a preferire la diversità rispetto all'omologazione, l'iniziativa alla ripetizione, scopriremo di essere degli instancabili rumoristi in un mondo di Musica: l'armonia tonale, per la sensibilità  musicale, ha finito per rappresentare ciò che un distacco della retina può essere per la vista: ci ha tolto la gioia di apprezzare i rumori per ciò che sono.

Traccia 14 ZARATA; artista Gigi Masin: www.myspace.com/gigimasin

Riflessione sul rumore:
Suono e rumore non sono come il sole e la luna. Nemmeno l'uno il 'doppio' dell'altro.
Come l'aspetto di un'antica divinità si dividono e si uniscono, si fondono e si annullanoreciprocamente in un meraviglioso effetto di energia, di variazione, di disturbo.
E' come voler distinguere la luce ed il buio standosene ad occhi chiusi, il bene ed il malesenza aver sbagliato almeno una volta nella vita. Molti hanno bisogno di categorie persuperare la paura dell'ignoto, dell'imprevisto, del non conosciuto. Per questo il suonoed il rumore sono stati divisi dalla nascita, fratelli gemelli del nostro desiderio di musica.E' un culto sotterraneo, misterioso, ma non per questo meno universale, vero e sincero.Suono e rumore sono la mano destra e sinistra di chi ha inventato il sublime kaos dellavita e chiamiamo silenzio il momento in cui loro due si fanno beffa di noi.-



Reviews

There are no reviews yet. Be the first one to write a review.
Download Options
2.3M
JPEG
56.4M
OGG VORBIS
60.8K
PNG
16.0K
TORRENT
174.4M
VBR M3U
174.4M
VBR MP3
-
VBR ZIP
In Collection
ozky e-sound Netlabel
In Collection
Netlabels
Uploaded by
ozkye-sound
on 6/28/2010
Views
335
PEOPLE ALSO FOUND
ozky e-sound Netlabel
by Le Strida
127
0
0
ozky e-sound Netlabel
by Cometa & M. Croce
323
0
0
ozky e-sound Netlabel
by Sheykh Ali and M.Croce
89
0
0
ozky e-sound Netlabel
by DBPIT
395
0
0
ozky e-sound Netlabel
by Netlabel Ala Social Net
447
0
0
ozky e-sound Netlabel
by Simone D'Annunzio
190
0
0
ozky e-sound Netlabel
by Vadim Ehrlich
626
0
0
ozky e-sound Netlabel
432
0
0
ozky e-sound Netlabel
165
0
0
ozky e-sound Netlabel
by A. Ruzzier M. Croce
193
0
1
( 1 reviews )